BARBAPRESS/ Lega Pro, Gela Calcio: aspettando Cunzi, sognando la Prima Divisione!

professione-calcio-logodi Piero Barbaro per “Professione Calcio

Gela (CL) – Quattordici punti frutto di 4 vittorie e 2 pareggi. Il Gela calcio è ancora imbattuto in questo inizio di campionato ed ha la difesa più forte in assoluto. Dalla società arrivano voci che parlano di un “anno di transizione” ma se il buongiorno si vede dal mattino, i tifosi biancocelesti siciliani possono sognare. A questo positivo inizio di campionato ha partecipato anche Evangelista Cunzi che proprio una settimana fa, però, si è operato a Perugia dopo la rottura del crociato interiore e il menisco esterno. A sette giorni dall’intervento, Evangelista sta già in ottime condizioni psicologiche nonostante il brutto infortunio occorsogli: “Mi hanno detto che il recupero da questo infortunio è soggettivo: dipende da quanto mi impegnerò per tornare i miei livelli. Dopo una settimana comunque il ginocchio già risponde. Sono stato operato da uno dei migliori professori d’Italia, a Perugia, il professor Cirulli. Dopo la prima visita, ho già avuto il via libera per iniziare a fare i primi esercizi.

A causa di una febbre post operazione, nell’ultima domenica, non è riuscito a seguire il Gela nella vittoria esterna contro il Vico Equense anche se se l’è fatta raccontare da bomber Pasca: il gol vittoria arriva dopo il palo colpito da Chiavon, direttamente da calcio di punizione, e la respinta veloce in gol di Geraldi che di testa mette in rete. Grande feeling con il centroattacco del Gela ma anche con tutti gli altri del reparto d’attacco: “Giocando con il 4-3-3, io da attaccante esterno mi stavo alternando con Criniti e Vianello mentre Pasca teneva sempre la posizione centrale. Sono tanti anni che gioco in questa categoria ma sono rimasto veramente sorpreso dalla forza di Pasca, uno che potrebbe giocare da solo in attacco, quando si dice che fa reparto da solo.

Per Evangelista Cunzi, invece, primo anno in una nuova squadra, il Gela appunto, dopo i 2 anni al Cassino. Poi la scadenza del contratto e la telefonata dell’8 agosto del direttore Donnaruma che ha fatto scegliere il Gela e Gela: “E’ stata una situazione particolare, a gennaio già ero libero di poter firmare con chiunque. Il Cassino ha adottato una strategia un po’ strana. Ho avuto un infortunio di un mese e mezzo e poi dopo poche partite una ricaduta. Non so se è per questo motivo ma alla fine non mi hanno rinnovato il contratto. Erano due infortuni non gravi quindi non penso sia stato dovuto a cause di natura fisica. Comunque nelle mie ultime 27 partite (23 a Cassino e 4 al Gela) ho segnato 12 gol. Per un attaccante esterno che gioca prevalentemente sulla fascia non mi sembrano pochi.” Fatto sta che poi arriva la telefonata estiva di Donnaruma (“Una persona che conosco già da 10 anni, mi ha sempre affascinato lavorare con lui ed alla fine ce l’ho fatta”) . Una scelta che per Cunzi si è rivelata subito azzeccata: “Dopo Catanzaro e Andria mi sono ritrovato in questa piazza che mi ha subito dimostrato che cosa significa essere attaccati alla maglia. I tifosi erano delusi dall’andamento della scorsa stagione ma hanno subito riportato un grande entusiasmo fin dalla prima giornata di campionato. Hanno dimostrato grande amore per la maglia e adesso noi dobbiamo fare di tutto per non far scemare questo entusiasmo che si è creato intorno alla nostra squadra.

Anche il Gela Calcio dal punto di vista societario ha rappresentato una vera novità per Cunzi: “Sono rimasto sorpreso ed esterrefatto dall’organizzazione di questa società. Ho riconosciuto delle persone veramente “malate di calcio”. Sono davvero felice di aver accettato questa nuova proposta e intrapreso questa nuova esperienza professionale.” Cunzi non è riuscito a seguire la vittoria esterna della propria squadra contro il Vico Equense ma nel prossimo mese sarà più libero di dedicarsi, oltre agli esercizi fisioterapici, alla squadra per quanto possibile: “Questo primo mese rimarrò a casa a Napoli per andare una volta a settimana a Perugia dal prof. Cirulli che ha detto che mi vuole seguire passo per passo. Poi per 4-5 settimane dovrò lavorare per ridare elasticità al ginocchio. Poi dipenderà da me rientrare nel momento giusto.” Poi c’è anche la promessa fatta dai compagni a Evangelista: “Mi hanno promesso di farmi rientrare quando ci sarà ancora tanto da giocarsi. Spero davvero di rendermi utile per questa stagione del Gela.” Stagione che dalla società dovrà essere “di transizione” ma almeno nella testa dei giocatori rimane un sogno per un qualcosa di più, anche in quella di Cunzi: “Un grande successo già quest’anno sarebbe meritato per una grande piazza e un grande presidente come questo. Il pubblico, si sente, vuole emergere insieme alla squadra. Noi ci proveremo.

4 commenti

Archiviato in Calcio, Carta Stampata

4 risposte a “BARBAPRESS/ Lega Pro, Gela Calcio: aspettando Cunzi, sognando la Prima Divisione!

  1. GELESE

    BELLA L’INTERVISTA AD EVAN MA VOLEVO RICORDARE AL GIORNALISTA CHE HA SCRITTO L’ARTICOLO CHE IL GELA E’ DA 15 ANNI IN SECONDA DIVISIONE E SOGNA LA PRIMA DIVISIONE E NON LA SERIE D🙂

  2. gelesinho

    ma xke siamo in serie d ? mi sembrava che eravamo in c2 mi sono sbagliato io o chi ha scritto l’articolo ?

  3. gela

    ditelo ke siamo in c da 15 anni

    • Chiedo venia ragazzi, ho sbagliato il titolo scrivendo di fretta… Vi posso assicurare che su “Professione Calcio” non e’ uscito cosi’ il titolo. Anzi se volete il pdf posso mandarvelo direttamente.

      Grazie per esser passati sul Barbapress. Alla prossima!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...