BARBAPRESS/ Serie D, Gavorrano calcio: ecco Iacona, mister 200 gol

di Piero Barbaro per “Professione Calcio

Gavorrano (GR) – Qual è il tuo gol più bello? Il prossimo. Non è una risposta che darebbe chiunque figuriamoci se di gol alle spalle ce ne sono già più di 200. E’ la storia di Ivan Iacona, classe 1976, punta del Gavoranno calcio che viaggia nelle parti alte del girone E della Serie D.

Nell’ultima domenica, vittoria in trasferta contro il Monteriggioni per 3-1 e certamente Iacona non poteva mancare al suo appuntamento con il gol. Partita che si mette subito in discesa per la squadra grossetana quando, dopo pochi minuti, lo stesso Iacona con un cross velenoso per Manzo provoca l’autorete che porta in vantaggio il Gavorrano. La ripresa finisce sull’1-1 dopo “il gol della domenica” (definito dallo stesso Iacona, ndr) da parte del Monteriggioni; la squadra senese però deve capitolare nel secondo tempo quando Iacona approfitta di un contrasto su una palla alta tra portiere avversario ed un suo compagno e lui è lì libero di toccare in rete con la porta spalancata. Come si dice in questi casi: “un gol di rapina”. Mette il punto esclamativo De Gori che rende ufficiale la vittoria dei grossetani lontano dalle mura amiche.

Per Iacona, come detto, un gol che si aggiunge agli oltre duecento segnati in carriera: un “piccolo” record arrivato nella prima partita del 2010 a Scandicci contro la squadra locale: “Sono contento. Per me è un motivo d’orgoglio. A dire la verità non è che ci ho fatto mai caso ai numeri ma quando sono venuti a dirmi che avevo superato quota 200 non posso negare che l’idea mi abbia fatto piacere.” Iacona si dimostra un giocatore esperto anche nelle dichiarazioni perché sa che raggiunta questa soglia le cose diventeranno ancora più difficili, gli avversari sanno di non trovarsi davanti ad un giovane di 20 anni con poca esperienza: “Sono tanti anni che gioco in questa categoria, gli avversari ormai mi conoscono e lo sanno come gioco. Quest’anno la categoria si è livellata con l’introduzione della regola dei 5 giovani da far scendere in campo obbligatoriamente.

Nonostante questo, andando verso i 34 anni, Iacona fa valere le sue caratteristiche che sono il frutto di una stazza non certo immensa che gli regala una rapidità che ancora fa la differenza nella categoria: “Ho avuto una carriere fortunata, non ho mai avuto grossi infortuni. Certo, con il passare del tempo i tempi di recupero dopo una partita cambiano ma per fortuna la rapidità che mi contraddistingue ancora non l’ho persa.” Una qualità che permette all’attaccante del Gavoranno di sfruttare al meglio ogni situazione di gioco: “La mia maggiore qualità è il tempismo, vado bene negli spazi e se ho un compagno che capisce subito la giocata da fare allora vado a nozze. Poi è naturale che ognuno ha i propri limiti ed io ho sicuramente i miei.

Alla fatidica domanda della domanda del gol più difficile non ce n’è uno che sia rimasto dentro a Iacona: “Non penso che ci sia un gol più facile o difficile perché li reputo tutti difficili a seconda della situazione. E questo è quello che penso dopo aver appena sbagliato magari un gol sulla linea di porta, quelli che ormai già pensi di aver segnato e che sbagli per una carenza di concentrazione.” Per quello più significativo, invece, Iacona non risponde con precisione ma almeno restringe il campo: “Beh sicuramente tra i miei gol più significativi ci metto tutti quelli che mi hanno portato a vincere i 6 campionati che mi sono aggiudicato. Quello più bello? Sicuramente sarà il prossimo!

In ultimo, ma non meno importante, la situazione a livello personale del bomber del Gavorrano: “Qui, in questa squadra, mi trovo molto bene soprattutto perché sono vicino a casa. Io sono uno di quelli che pensa che la qualità della vita non la si compra con i soldi. Quindi essere vicino alla mia famiglia mi fa stare ottimamente. Poi in società mi trattano bene perché sembra di essere in un grande famiglia. Una società che mi cercava già da due anni, un allenatore e un direttore sportivo che conosco da 10 anni, che ho invitato anche al mio matrimonio. E’ un motivo d’orgoglio avere questi ottimi rapporti anche con il mio presidente che si è dimostrato preciso in tutti gli accordi che abbiamo preso. Poi è naturale che tutte le società abbiano qualche difettino. Qui in compenso si sta veramente bene.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Calcio, Carta Stampata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...