Sul Barbapress ecco “Paradiso amaro”

– “Oddio mio… e chi sei tu…?

Chi sei tu, figliolo…. Ma soprattutto come sei conciato, cosa t’è successo…? E comunque per tua informazione io sono S.Pietro

– “S.Pietro…?!? Ma allora vor dì che so morto… E com’è successo… Perché mi chiedi come so conciato, che intendi… Oddio me sento tutto strano… indolenzito…gonfio… Io nun me ricordo mica tanto bene quello che è successo…

Ah, si si… ecco… l’ultima immagine era quella de ‘na cifra de guardie che me davano ‘n sacco de botte… quello si che me lo ricordo… ‘cci loro come menavano sti ‘nfami… Si certo… magari potrò avecce avuto pure quarche atteggiamento sbajato…forse ribelle… ma pesavo 40 chili… venivo da un periodo difficile… depressione e rota de droga… e soprattutto stavo dentro pe na stronzata… 20 grammi de maria… che avrò fatto mai…?!?

Purtroppo la legge laggiù è quella…ci si è provato tante volte da quassù noialtri a metter un po’ di sale in zucca nelle teste di chi vi comanda… ma niente… continuano imperterriti a fare i loro porci comodi… ma come si dice… tutti dovranno passare da qua prima o poi

– “Si vabbè Sanpiè… te c’avrai pure ragione… ma io so morto… tiè guarda come m’hanno ridotto… e che so io questo…?!? Me faccio paura da solo e soprattutto che faccio qua mò… la vita mia è laggiù…nella Città Eterna mia… E mi padre…? mi madre…? mi sorella…? chissà che pena che se stanno a pijà… ce vorrei parlà pe spiegaje tante cose e chiede un po’ de giustizia… semmai de giustizia se possa parlà su quella specie de circo chiamato tera…

Certo se poi comincio a pensà che io chiedo giustizia e ce sta ancora al giorno d’oggi chi, ‘mbriaco, uccide 4 cristiani e va a finì a fa le pubblicità in televisione… se penso che ce stanno politici che invece d’annà carcerati pe cose de camorra accertate, nun solo mantengono er posto e ricevono solidarietà dar Parlamento, ma vojono e riescono pure rimanè in sella ar cavallaccio loro… mentre io, pe quarche canna de troppo, entro ar gabbio pe dritto e dopo na settimana ce esco coi “piedi avanti”… no… così nun va proprio bene.

Allora sai che c’è Sanpiè… come se dice a Roma STATE BENE COSI’… io me ne rimango qui… c’è aria più pulita e sicuramente niente merda, chè giù in 31 anni, t’assicuro, n’ho visto tanta… troppa… Certo me mancherà er ponentino de Roma mia… la mi famija… l’amici… ma a loro c’ariverò lo stesso. Dentro la capoccia o dentro ar core, sentiranno sempre la presenza de sto stronzo che, pe la cattiveria dell’omo, s’è ritrovato qui senza manco sapè perché… M’hai convinto Sanpiè… rimango promettime solo che quella gente senza core e senza palle che m’ha strappato alla famija e che, so sicurò, sulla terrà nun pagherà pe niente, davanti a te e a Dio, dovrà sardà er conto pe intero… Te chiedo solo questo…

Allora entro Sanpiè…
e comunque, piacere:

Stefano Cucchi…”

Annunci

2 commenti

Archiviato in Attualità, Cronaca

2 risposte a “Sul Barbapress ecco “Paradiso amaro”

  1. http://www.unita.it/news/italia/96401/ucciso_come_stefano_cucchi_prima_le_sevizie_poi_la_morte
    Ecco la nostra Italia..
    Il nostro Governo permette che succeda tutto questo..
    VERGOGNA..

    Stop agli abusi di potere

    • pete1979

      Forse l’aggettivo “amaro” non basta neanche leggendo questo nuovo caso su “L’Unità”… grazie per averlo condiviso!
      Quello che è successo si conferma UN VERO SCHIFO!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...