Archivi tag: Lo sportello del cittadino

BARBAPRESS/ Unomattina Estate: le irregolari di casa nostra

Solo 7 anni fa erano poco più di un milione, oggi sono un esercito di un milione e mezzo di donne.  Hanno in media tra i 30 e i 50 anni.  Per lo più di origine straniera, vivono in Italia in media da 7 anni e mezzo, e lavorano come badanti da 6.  Si occupano della casa, dei bambini, assistono anziani e infermi.

Il 35,6% vive stabilmente presso la famiglia per cui lavora.  Eppure solo un terzo può pensare con tranquillità a un progetto di vita in Italia perché si tratta di cittadine di un Paese membro dell’Unione europea, oppure in possesso della cittadinanza o della carta di soggiorno.

Il resto deve fare i conti con il periodico rinnovo del permesso di soggiorno, oppure, “semplicemente”, vive e lavora nelle nostre case in una condizione di totale irregolarità.

di Piero Barbaro per “Unomattina Estate” del 31/08/09

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Televisione

BARBAPRESS/ Unomattina Estate: ecco le vacanze fantasma!

Viaggi fantastici ricchi di dettagli per soddisfare la curiosità di parenti e amici: montagna, mare, isole tropicali, escursioni avventurose, crociere…

E certo per navigare navigano, ma solo su internet e l’orizzonte è quello urbano di sempre. Però confessare di non poter permettersi una vacanza proprio non ce la fanno. I “simulatori di vacanze” sono ormai oltre un milione secondo una ricerca dell’Associazione Donne e Qualità della Vita.

500mila arrivano addirittura a barricarsi in casa, cellulare spento, auto nascosta, scorte di cibo e dvd. A guidare la classifica della vacanza bluff sarebbe Milano, seguita da Roma, Torino, Bologna e Firenze. Mentre a Napoli i viaggiatori virtuali sarebbero “solo” 15.000.

di Piero Barbaro per “Unomattina Estate” del 21/08/09

Lascia un commento

Archiviato in Televisione

BARBAPRESS/ Unomattina Estate: il paradosso degli sms

150 cellulari ogni 100 italiani. Un primato mondiale! Maniaci dei cellulari, ma – sorpresa – non dei messaggini.

In Inghilterra, Germania, Francia a usare gli sms sono 8 utenti su 10, in Italia solo 5.

Sarà che siamo ancora affezionati alla telefonata, o – più probabilmente – sarà che da noi mandare un sms costa più che altrove

Eh sì, perché 6 utenti su 10 pagano un sms 15 centesimi. E ne mandano pochi.

Poi c’è una minoranza capace di districarsi nella giungla delle offerte e che quindi può arrivare a spendere anche solo 3 centesimi e mezzo per sms. E di messaggi ne manda tanti: 60 miliardi nel 2008.

E arriviamo ai paradossi. Dal primo luglio mandare un sms da un paese all’altro dell’Unione europea non può costare più di 11 centesimi, ma se lo stesso sms lo mandi al tuo vicino di casa spendi 15 centesimi. In Italia!

di Piero Barbaro per “Unomattina Estate” del 19/08/09

Lascia un commento

Archiviato in Televisione

BARBAPRESS/ Unomattina Estate: il turista chiede l’impossibile!

C’è chi è convinto che il proprio figlio non abbia bisogno di documenti per fare il giro del mondo.

C’è chi vuole andare ai Caraibi ad agosto e settembre, in piena stagione di uragani.

C’è chi vuole arrivare in aereo su isole sperdute dove magari non c’è nemmeno la strada asfaltata, figurarsi l’aeroporto.

C’è chi chiama dall’altro capo del mondo per chiedere di ritornare in anticipo scordandosi di aver scelto un pacchetto economico con viaggi vincolati a date e orari fissi.

Ci sono donne incinte che si rifiutano di accettare che il loro imbarco sia a discrezione di piloti e comandanti: troppi rischi per il bambino!

E poi ci sono quelle fin troppo previdenti che pretendono di prenotare un biglietto di ritorno per il figlio che forse nascerà in vacanza.

Insomma richieste da far rimanere a bocca aperta!

di Piero Barbaro per “Unomattina Estate” del 13/08/09

Lascia un commento

Archiviato in Televisione

BARBAPRESS/ Unomattina Estate: italiani in spiaggia? Campioni di maleducazione

C’è il telefonino che squilla di continuo, la radio a tutto volume, chi urla, chi trasforma la spiaggia in un campo di calcio, di pallavolo, di tennis, e c’è chi usa l’arenile come pattumiera.

Scene di ordinaria maleducazione da spiaggia.

Ma i maleducati, si sa, sono sempre gli altri.

E’ per questo forse che il 52% degli italiani denuncia un notevole peggioramento delle spiagge negli ultimi 10 anni. E il 47% non esclude che la situazione possa peggiorare. Ma intanto già oggi – denuncia l’Onu – le spiagge raccolgono ogni anno ben 4.000 kg di spazzatura per chilometro quadrato.

E sono proprio i mozziconi di sigarette, con il loro contenuto di catrame e nicotina e il filtro che impiega da uno a cinque anni per degradarsi, a formare il 37 per cento dell’immondizia raccolta nel Mar Mediterraneo.

di Piero Barbaro per “Unomattina Estate” del 10/08/09

Lascia un commento

Archiviato in Televisione