Archivi tag: Lottomatica Virtus

BARBAPRESS/ Basket: il nuovo volto della Lottomatica senza Ricky Minard

da Roma, Piero Barbaro per Basket Ground del 15/3/2010

Da giovedì scorso Ricky Minard e’ un giocatore del Khimki Mosca. Per chi si domandasse ancora il perché ci fosse la necessità di perdere l’unico giocatore che aveva dato veri segni di vitalità dopo l’avvento di coach Boniciolli, la risposta e’ facile: era l’unico giocatore della Virtus ad avere mercato (14.5 punti di media nelle vittorie decisive della Lottomatica).

A detta di molti questo e’ stato un passaggio obbligato per riequilibrare il roster dei capitolini. Ma chi riequilibrerà l’animo dei giocatori italiani che si vedranno in competizione nella posizione di play con Bobby Dixon, probabile nuovo arrivo in casa Roma? L’ ex Villeurbanne andrà a completare il settore esterni e potrà giocare sia minuti da playmaker che da guardia pura. Intervistato dalla radio romana Rete Sport, Gianluca Vitali ha fatto capire che l’arrivo di Dixon ha il sapore di una bocciatura sia per lui che per Giachetti.

Intanto, per il play livornese, 12 dei suoi 15 punti totali arrivano nella fase decisiva della partita interna contro Pesaro. E Boniciolli parla della rinuncia a Minard come “la coperta di Linus tolta agli italiani”. La risposta al momento e’ arrivata, a detta del coach triestino: “Giachetti ha praticamente vinto la partita, Crosariol ha dato fisicità, Vitali ha letto bene i ritmi.” Minard ora e’ a Mosca, scelta apprezzabile o solamente coraggiosa?

Lascia un commento

Archiviato in Basket

BARBAPRESS/ Basket. Virtus Roma e l’identita’ che si costruisce tra le mura di casa

da Roma, Piero Barbaro per “Basket Ground” del 2/3/2010

Sarà la terza o quarta volta che il tifoso della Lottomatica esce dalle mura del PalaLottomatica pensando che la propria squadra e’ ufficialmente rientrata nella lotta alle parti alte della classifica. Settima vittoria nelle ultime nove gare, dopo la vittoria contro Ferrara continua la marcia di coach Boniciolli con la sua Virtus Roma dopo la pausa forzata dovuta alle Final Eight di Avellino.

L’unica certezza in vista di un buon piazzamento per la griglia dei play off sarà qualche vittoria lontano dalle mura di casa e per farlo alla Lottomatica Roma e’ ancora in cerca di un vero leader che sia al fianco di Ibby Jaaber tornato ai buoni livelli di inizio anno.

Nell’ 84-73 contro Ferrara per il “bulgaro” a stelle e strisce 24 punti e un ruolo determinante per evitare la beffa dopo 30’ quando la squadra di coach Valli aveva messo il naso avanti (+ 4 sul 49-53). Un “leader da affiancamento”, quindi, che al momento non sembra essere Bobby Dixon. La squadra romana rimane al momento in possesso di questo potere “a doppio taglio”, con un roster tanto lungo quanto pieno di talento, che le permettere di poter vincere e perdere con chiunque. Per coach Boniciolli la lotta per uscire dalla mediocrità di questa stagione e’ appena iniziata.

1 Commento

Archiviato in Basket

BARBAPRESS/ Basket: Virtus Roma, è Vitali l’anti dottor Jekyll?

VirtusRomaLogo

basketground-logodi Piero Barbaro per “Basket Ground

Roma – Ed eccola qua. Torna ancora alla ribalta la più celebre opera di Robert Luis Stevenson, il romanzo “Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde”. La nuova evocazione è più che legittima dopo la terza sconfitta in campionato (seconda tra le mura del Palalottomatica) su cinque partite della Virtus Roma di coach Gentile. Una vera e propria scissione di personalità dopo le positive e importanti gare di Eurolega tra cui anche l’ultima vittoria di personalità ad Atene contro il Maroussi.

Nell’ultimo fine settimana continua la maledizione di Biella e coach Bechi che già l’anno scorso, nei quarti di play off, aveva messo fine con netto anticipo alla stagione dei capitolini. Senza Hutson influenzato e i lungodegenti Vitali e Datome, si aggiunge alla lista degli assenti Angelo Gigli che nella gara contro Aradori e compagni riporta una distorsione del ginocchio sinistro che tra bendaggi e trattamenti fisioterapici terrà fuori il giocatore romano per almeno un mesetto.

Scissione di personalità o crisi d’identità? La squadra romana quando non riesce a correre e a mettere la giusta intensità nella gara, va troppo spesso in difficoltà mostrando poche idee contro le difese avversarie schierate. Anche il tanto celebrato Jaaber non riesce a fare tutto, tra i compiti di regia e quelli anche di guardia tiratrice molte volte perde la lucidità e per estrema generosità è la causa di parziali pesanti delle squadre avversarie.

Niente giudizi sommari ma ancora solo sospesi per la stagione virtussina capitolina che aspetta di riabbracciare Datome, ad un passo dal rientro, e soprattutto Vitali che potrebbe mettere da parte le varie sostanze miscelate dal dottor Jekyll, evitare di ottenere quella pozione dagli effetti straordinari per non mostrare più questa preoccupante “seconda natura” del basket romano.

1 Commento

Archiviato in Basket

BARBAPRESS/ Eurolega 2009/2010: si parte verso la finale di Parigi

Roma, 8 lug. – (Adnkronos) – Sono stati sorteggiati oggi a Barcellona i gironi dell’Eurolega 2009-2010 di basket. Quattro le italiane impegnate nella competizione continentale: Montepaschi Siena, Lottomatica Roma e Armani Jeans Milano.

La Final Four della manifestazione si disputera’ a Parigi dal 7 al 9 maggio, come annunciato oggi dagli organizzatori. La finale si giochera’ al Palais Omnisports di Paris-Bercy. Questi i gironi:

Gruppo A: Regal Barcellona, Montepaschi Siena, Cibona Zagabria, Fenerbache, Zalgiris, Asvel.

Gruppo B: Olympiakos Pireo, Partizan Belgrado, Unicaja, Efes Pilsen, Lietuvos Rytas, qualificata turno preliminare

Gruppo C: CSKA Mosca, Tau, Maccabi Electra, Lottomatica Roma, Union Olimpija, qualificata turno preliminare

Coach Gentile: “Sapevamo che sarebbe stato un girone difficile, perché le squadre sono tutte molto forti, ma forse il nostro è il girone più difficile. Giocheremo contro squadre molto toste, di grande esperienza. Noi siamo giovani, ma ci proviamo e lotteremo fino in fondo. Inoltre sarà una importante occasione per far fare esperienza ai nostri giocatori“.

Gruppo D: Panathinaikos Atene, Real Madrid, Armani Jeans Milano, Asseco Prokom, BC Khimki e EWE Baskets

Coach Bucchi: “Sembra uno scherzo del destino: è la terza volta che partecipo alla Euroleague, la prima volta con Napoli e lo scorso anno con Milano, ed è la terza volta che la mia squadra viene inserita nel girone della squadra di Ettore Messina. Oltretutto se il calendario ci mettesse davanti alla prima giornata sarebbe la terza volta anche in questo caso. A parte la casualità, è un gruppo molto affascinante e molto forte quello in cui siamo stati inseriti. Panathinaikos, campione d’Europa in carica, e Real Madrid sono due squadre di altissimo livello, non sono certo io a doverlo dire: hanno giocatori, coach e strutture di grande valore e puntano decisamente a raggiungere le Final Four di Parigi. Anche il Khimki di Scariolo, i campioni di Polonia del Prokom Sopot e i campioni di Germania dell’Oldenburg sono squadre molto buone, ma sono convinto che potremo giocarcela fino in fondo per cercare di passare il turno e puntare alle Top16. Un’altra particolarità di questo gruppo è rappresentata dal fatto che su sei squadre al via ci sono ben tre allenatori italiani”.

1 Commento

Archiviato in Basket

BARBAPRESS/ Virtus Roma: la lettera d’addio di Brandon Jennings

I cannot express how exciting and unique this season has been for me. The people of Rome and the people of the Lottomatica Roma organization – the personnel, my coaches and my teammates – welcomed me, along with my mother and brother, with open arms. Coming here has allowed me to mature both on and off the court and I greatly appreciate the help and support of everyone around me. This experience provided me with the right foundation for the next step. I am especially grateful for the guidance of my general manager, Dejan Bodiroga, my team president, Claudio Toti and of course, my head coach, Nando Gentile. I’ve decided to leave Rome, return to the United States and enter the NBA Draft. This is a very important decision for me and I am giving myself a chance to make my childhood dream come true. I would never have traded this experience for the world. What I’ve learned here is priceless and I now consider Rome my second home.

Ciao, Brandon Jennings

Non ho parole per esprimere quanto la mia stagione sia stata eccitante e unica per me. La gente di Roma e del club della Lottomatica – il personale, i miei allenatori e i miei compagni – hanno accolto me, mia madre e mio fratello, a braccia aperte. Venire qui mi ha permesso di maturare sia fuori sia in campo e ho apprezzato davvero tanto l’aiuto e il supporto ricevuti da parte di tutte le persone che ho avuto intorno. Questa esperienza mi ha dato le giuste basi per il prossimo passo. Sono grato in particolare per la guida ricevuta dal mio General Manager Dejan Bodiroga, il mio presidente, Claudio Toti, e naturalmente il mio capo-allenatore Nando Gentile. Ho deciso di lasciare Roma, di tornare negli Stati Uniti ed entrare nel Draft Nba. Questa è per me una importante decisione perché mi permette di cogliere l’occasione per far avverare un mio sogno che ho sin da piccolo. Non avrei mai scambiato questa esperienza con null’altro al mondo. Quello che ho imparato qui è senza prezzo e ora considero Roma come la mia seconda casa”.

Ciao, Brandon Jennings

Lascia un commento

Archiviato in Basket

BARBAPRESS/ Basket: Lottomatica Roma – Angelico Biella 79-83 (gara 5)

Sono bianco, pelato e ciccione, per questo forse non andrò mai in Nba anche se io continuo a crederci”, queste le parole di Greg Brunner prima di gara 5 tra Virtus Roma e Angelico Biella. Una serie dove il fattore campo ha sempre fatto la differenza con vittorie nette da parte della squadra di casa. Clima caldo, maggiore aggressività e differenti percentuali questa volta non dovevano fare paura alla squadra di coach Gentile che in casa però aveva tutta la pressione del mondo in quanto squadra favorita e squadra che, giocando in casa, potrebbe risentire maggiormente di alcuni momenti di difficoltà. Sono stati proprio i canestri del “bianco” Brunner a decidere la gara e conquistare la semifinale contro l’Armani Jeans Milano.

La gara nel primo quarto inizia con dei piccoli parziali da una parte e dall’altra parte dei ventotto metri del campo. Piccoli lampi che fanno finire infatti il primo quarto con un 17-16 più che mai equilibrato. Nel secondo parziale coach Bechi manda in campo Aradori e il giocatore bresciano dà il via ad un predominio biellese con 8 punti personali, Joe Smith contribuisce ad un eccellente 8/14 totale da 3 per Biella mentre Spinelli dà continuità alla sua ottima prova in gara 4 buttandosi dentro l’area trovando 2 o 3 tiratori dietro l’arco dei 3 punti. Si va al riposo lungo con il vantaggio biellese in doppia cifra sul 34-44.

Nel secondo tempo la squadra di coach Gentile entra con un buon ritmo nella partita e con Hutson riesce a ridurre nuovamente lo svantaggio arrivano al -5 ma questo primo tentativo di rimonta viene subito placata sul nascere dall’indiscutibile talento (ma troppo discontinuo) di Reece Gaines che con delle triple mortifere allontanano nuovamente la Lottomatica che si metta a zona in difesa. Biella tira con il 61% da tre (11/18) ma nonostante questo Becirovic e Datome riportano sotto la Lottomatica. Al 30’ la Virtus è sotto di un solo punto: 61-62 per l’Angelico.

Nei primi 3’ dell’ultimo parziale vedono un 7-0 Lottomatica targato Hutson e Datome più un grande lavoro in difesa con autentico protagonista tra i romani di Angelo Gigli che sembra essere il degno successore di capitan Tonolli. Sono però i canestri di Greg Brunner a risultare decisivi per l’Angelico che sbanca Roma e il Palalottomatica conquistando la meritata semifinale contro Milano.

Lottomatica Roma: Hutson 21, Douglas 3, Datome 8, Jaaber 17+4rec+4per, Gigli 0+8r, Brezec 4, Becirovic 19+7a, Giachetti 2, De La Fuente 5, D’Alessio ne, Tonolli ne, Golemac. All. Gentile.

T2p 21/39 T3p 6/14, R 28 (6 off), A 14, Per 12, Rec 12, Stop 0

Angelico Biella: Jurak 5+3a, Raspino ne, Spinelli 11+2per, Favario ne, Jerebko 7+4r, Garri 5+2per, Gist 13+4r+3rec, Smith 12+2per+3stop, Aradori 8, Brunner 14+4r+3rec+2per+3a, Gaines 8+4r+2per, Secchia ne. All. Bechi.

T2p 16/27, T3p 12/23, R 23 (4 off), A 12, Per 11, Rec 10, Stop 3

basketground-logodi Piero Barbaro per “Basket Ground” del 26/05/2009

Lascia un commento

Archiviato in Basket

BARBAPRESS/ Play off, gara 3: Lottomatica Roma – Angelico Biella 99-79

logo_virtus_grande_home

Sapevamo che giocare a Biella non sarebbe stato. E´ un campo difficile, con un tifo che ti confonde, una squadra di talenti, in più ci si mette anche la stanchezza del viaggio. Ma non facciamo drammi.” Con queste parole Nando Gentile aveva commentato la sconfitta piemontese della sua Lottomatica che riazzerava tutti conti portando la serie sull’1-1 e portando nuovamente la Virtus Roma a giocare sul campo di Biella nella serata di domenica. Ma intanto c’era una gara 3 da giocare a Roma e, dopo un avvio stentato, la squadra capitolina riesce ad avere la meglio di una modesta Angelico che appare tutt’altra squadra lontana dal proprio Biella Forum.

Primo quarto piuttosto difficile per i ragazzi di coach Gentile che vedono un’Angelico determinata ad inizio gara con Jerebko, Joe Smith e soprattutto Gaines più che ispirati (6-14 il massimo vantaggio biellese). Sul fronte capitolino è quando sono in campo Sani Becirovic e Brezec che la Lottomatica riesce ad esprimersi meglio: sono proprio i due sloveni con l’ultimo arrivato Golemac a dare il la per il sorpasso Lottomatica conditi dalle conclusioni incredibili di Datome dalla lunga distanza. E’ proprio il canestro della giovane promessa del basket italiano a dare il 25-20 che chiude i primi 10’. Sfruttando il parziale positivo anche i 3500 del Palalottomatica entrano in gara per una Virtus che con il doppio playmaker rende di più e riesce ad eseguire meglio i propri giochi: mentre Becirovic riposa, sono Jaaber e Giachetti a chiamare i giochi che portano la squadra dell’ingegner Toti a doppiare l’Angelico sul 45-22 (sarà +19 al 20’).

Nella seconda parte di gara la partita scorre senza particolari patemi per i capitolini mentre sulla sponda biellese è preoccupante (per il basket italiano) l’indifferenza di coach Bechi nei confronti di Pietro Aradori, autentico trascinatore in gara 2 per l’Angelico. Il giocatore bresciano, classe ’88, rimane a lungo in panchina con la consueta schiera di americani lasciati in campo che non portano nessun beneficio a Biella. Clamorosa la figura di Reece Gaines nel terzo quarto che alla fine di un time out si scorda di rientrare in campo fino a quando solo gli arbitri ricordano a coach Bechi che non si gioca in 4. La partita si conclude sul 99-79 con Datome che sbaglia il suo primo tiro al 34’ e chiude la gara con la standing ovation del pubblico romano per i suoi 17 punti totali e 24 di valutazione. Si torna a Biella per gara 4.

Lottomatica Roma: Hutson 17, Douglas 9+3rec, Datome 17, Jaaber 7+3rec, Gigli 3+11r+5per, Brezec 6+2stop, Becirovic 10+7a, Giachetti 8, De La Fuente 13, D’Alessio, Staffieri ne, Golemac 9+3rec. All. Gentile.

T2p 26/44, T3p 10/20, R 34 (14 off), A 30, Per 16, Rec 17, Stop 5

basketground-logoAngelico Biella: Jurak 6, Raspino 2, Spinelli 3, Ceccarelli ne, Jerebko 16+5 rec, Garri 4, Gist 15+6r+1stop, Smith 10, Aradori 4, Brunner 12+6r, Gaines 12+5 per+4a, Margheri ne. All. Bechi.

T2p 21/39, T3p 8/19, R 24 (11 off), A 9, Per 18, Rec 14, Stop 1

di Piero Barbaro per “Basket Ground” del 22/05/09

Lascia un commento

Archiviato in Basket