Archivi tag: play off

BARBAPRESS/ Lega Pro, tripudio Cisco Roma: dopo 10 anni si torna in Prima Divisione!

di Piero Barbaro per “Professione Calcio” del 17/6/2010
p.barbaro@professionecalcio.net

Bookmark and Share

Roma – Torna dopo dieci anni la Prima Divisione nella Capitale. É la Cisco Roma infatti la terza squadra che viene fuori dai play off di Seconda Divisione dopo il duplice scontro con il Catanzaro nel girone C. Poteva sembrare tutto facile dopo il 4-0 della gara d’andata al Flaminio di una settimana e mezza fa. La partita a Catanzaro è stata tutt’altro che una passeggiata, “al di là del risultato acquisito sappiamo bene che ci sarà da soffrire” aveva detto mister Incocciati alla vigilia della partita in Calabria.

Dopo un prepartita piuttosto delicato con il ritrovo di dodici croci in legno nei pressi degli spogliatoi dello stadio di Catanzaro e rimosse dagli agenti della polizia di Stato, per la squadra di Auteri non c’era molto da fare: buttarsi in avanti alla ricerca della rimonta impossibile. E le cose sembravano mettersi come volevano proprio i padroni di casa perché all’8’ giungevano al primo gol con una punizione dal limite di Corapi. Ma erano proprio i calabresi a rovinare tutto al 20’ rimanendo in 10 per l’espulsione di Lodi per reazione. Un inizio comunque movimentato come racconta il mister in seconda della Cisco, Giuseppino Argentesi: “Le difficoltà di queste partita le sapevamo bene, anche dopo il risultato maturato all’andata: loro non avevano più...”

LEGGI IL RESTO DELL’ARTICOLO [SCARICA PDF FREE]

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Calcio, Carta Stampata

BARBAPRESS/ Nba. Semifinali play off gara 1. Devastanti Magic contro Atlanta Hawks: 114-71 [VIDEO]

Bookmark and Share

Lascia un commento

Archiviato in Basket

BARBAPRESS/ Lega Pro, play off: “Alla ricerca dell’ultimo highlander”

di Piero Barbaro per “Professione Calcio” del 15/4/2010
p.barbaro@professionecalcio.net

Roma – C’erano una volta quattro squadre che nelle ultime quattro giornate del campionato si giocavano la promozione. E’ quello che sta realmente accadendo nel girone A della Seconda Divisione con protagoniste Südtirol, Feralpisalò, Spezia e Alghero. Le prime due sono a quota 53 punti, gli spezzini e i sardi una sola lunghezza dietro. Iniziando proprio dagli altoatesini, la rete di Tonino Sorrentino nella sua prima gara da titolare regala la vittoria alla compagine allenata da mister Sebastiani: “Sono soddisfatto della gara, i ragazzi hanno dimostrato di reagire bene fin da subito. Non era facile tornare in campo dopo la batosta subita contro il Rodengo Saiano

LEGGI IL RESTO DELL’ARTICOLO [SCARICA PDF FREE]

Lascia un commento

Archiviato in Calcio, Carta Stampata

BARBAPRESS/ Lega Pro. Michael Bacher (FC Südtirol): “Per i play-off, noi ci siamo!”

di Piero Barbaro per Professione Calcio dell’ 8/4/2010
p.barbaro@professionecalcio.net

Rodengo-Saiano (BS) – Non sarà certo una sconfitta, seppur pesante, a mandare all’aria i sogni del FC Südtirol che vola nel girone A della Seconda Divisione di Lega Pro. Nello scontro di alta classifica in terra bresciana contro il Rodengo Saiano arriva una sconfitta per 4-0 che interrompe così la striscia positiva di tre vittorie consecutive per i ragazzi di mister Sebastiani.

Ma il Rodengo Saiano era e rimane una diretta concorrente per la zona play off: gli altoatesini sono messi al tappeto da una doppietta dell’ex Christian Araboni nella prima frazione e rimangono così fermi al quarto posto a quota 50 punti in classifica, mentre i lombardi sono ad una posizione di distanza, quinti con 47 punti. Michael Bacher, centrocampista classe ’88, è ancora un po’ incredulo a quello che è successo nella gara: “Abbiamo cominciato bene, potevamo fare gol noi nei primi quindici-venti minuti ma poi abbiamo subito questo uno-due (dell’ex Araboni, ndr) che ci ha sorpreso e non poco. Dopo tutto non eravamo messi male in campo ma a loro è riuscito tutto. Mi sento anche di dire che siamo andati meglio noi nel primo tempo ma poi a fine gara risulta che loro con cinque occasioni hanno realizzato quattro gol e noi nessuno.

Una sconfitta che, come detto, non manda all’aria le aspirazioni dei giocatori altoatesini: “A Rodengo si può anche perdere, volevamo sicuramente uscire almeno con un punto da questo campo. Loro sono bravi ed hanno una bella squadra con un bel mix di esperienza e forza fisica. Per quanto ci riguarda se riusciremo a vincere la prossima in casa non sarà cambiato un granché quindi andiamo avanti fiduciosi.” Una stagione positiva anche a livello personale per il ventiduenne di Bressanone…

LEGGI IL RESTO DELL’ARTICOLO [SCARICA PDF GRATIS]

Lascia un commento

Archiviato in Calcio, Carta Stampata

BARBAPRESS/ Serie D: semifinale Play Off, derby campano tra Nocerina e Sapri

professione-calcio-logodi Piero Barbaro per “Professione Calcio

Roma – E’ tempo di fare sul serio nei play off di Serie D e nel sorteggio di lunedì mattina alla sede del Comitato Interregionale di Roma il Renate se la dovrà vedere contro il Vico Equense, mentre sarà derby campano tra la Nocerina e il Sapri. Due gare importantissime per la stagione da giocarsi nel giro di tre giorni: particolare fascino lo avrà soprattutto lo scontro tra le due squadre campane. Esordio al “San Francesco” per la Nocerina di mister Pastore che dovrà vedersela contro un Sapri arrivato fin qui in qualità di vincitrice della Coppa Italia e da circa tre settimane inattiva in vista della preparazione di queste due gare.

Per mister Pensabene tanti pro e contro per una gara così tanto voluta ma è anche tanto il tempo trascorso dall’ultima gara ufficiale dei suoi ragazzi. “A nostro favore potremo avere una maggiore freschezza dal punto di vista fisico ma è anche vero che la desuetudine nel giocare una partita vera, sono tre settimane che ci alleniamo, potrebbe farci un brutto scherzo. E’ stato veramente difficile preparare e pianificare tre settimane di lavoro in questa fase finale di stagione. I giocatori vorrebbero staccare la spina e forse l’hanno fatto e adesso per far ripartire tutto non sarà facile.” Poi si ritorna ai concetti principali di questa semifinale tutta campana: “Sono molto contento che nelle ultime quattro squadre ce ne siano due provenienti dalla Campania. Sono anche convinto che tutte le squadre che sono giunte ai play off, in questo rush finale, sono tutte all’altezza delle ultime quattro rimaste in semifinale.” Il mister conosce bene la squadra che andrà ad affrontare ma non si preoccupa tanto di quello che potranno fare gli avversari, pensa più alla sua squadra: “Per mia mentalità non mi giro troppo a guardare contro chi giocheremo la prossima partita. Nutro sempre grande rispetto per una squadra che ha dimostrato di avere anche grandi individualità ma sono convinto che vincerà chi avrà più benzina in corpo, anche alla luce del grande caldo che sta facendo in questo mese di giugno.

La qualificazione alla finale dei play off sarebbe un’ulteriore passo in avanti per il Sapri anche a livello societario oltre che di squadra: “Arrivare più in là possibile sarebbe semplicemente il perfetto coronamento di una grande stagione. Molti i lati positivi che ci hanno visto dall’inizio dell’anno solare in forma per una grande rimonta fino ad arrivare fino a questo punto in campionato e a vincere la Coppa Italia di categoria.” Il sorteggio di Roma ha deciso che la prima gara si giocherà sul campo della Nocerina mentre il ritorno in casa della squadra di mister Pensabene: “Forse potrebbe essere un vantaggio giocare il ritorno in casa ma prima sappiamo che ci sarà una partita difficilissima in un ambiente molto caldo come quello del “San Francesco”. E’ sempre un terno a lotto per quanto riguarda il sorteggio.” Fortuna ma anche attenzione in ogni minimo particolare, fondamentale per arrivare alla finale del 28 giugno contro la vincente tra Vico Equens e Renate.

E per una squadra che non gioca una gara vera ce n’è una, la Nocerina, che non ha un attimo di sosta, tornata subito al lavoro per preparare al meglio la semifinale d’andata. Non saranno disponibili Iossa, che si è presentato alla ripresa degli allenamenti con una vistosa fasciatura al braccio, e De Fabiis squalificato, mentre Palumbo, ancora alle prese con l’allenamento differenziato, sarà tra i convocati. E’ comunque una Nocerina che vola sulle ali dell’entusiasmo dopo l’impresa compiuta proprio tra le mura amiche contro il Gavorrano. A fine partita mister Pastore dispensava complimenti a tutti: “Insieme possiamo andare avanti. Se rimaniamo con i piedi per terra possiamo dare tante soddisfazioni a questa piazza. Ho un grande gruppo.

E il grande gruppo dovrà uscire fuori nuovamente in questa settimana nelle due gare contro il Sapri: “Sarà una tappa fondamentale, la prima la avremo in casa ma il confronto contro il Sapri sarà da vedere nell’ottica dei 180’. Dovremo essere bravi a gestire la gara con intelligenza, come abbiamo fatto a Salò ultimamente. Una squadra che deve ragionare e riconoscere quale sia il momento per fare gol e quale il momento di mettersi là e resistere ad un momento di difficoltà collettivo della squadra.” Rispetto per la prossima avversaria, fresca vincitrice della Coppa Italia di categoria: “Se il Sapri è arrivato là vuol dire che ha la qualità giuste per fare bene. Il fatto che non giochino da parecchio tempo può giocare a loro favore ma anche fargli perdere qualcosa: potrebbero aver perso il giusto ritmo ma avranno probabilmente più birra nelle gambe rispetto a noi. Noi ce la giocheremo fino alla fine cercando di sfruttare le nostre qualità con l’aiuto anche delle sostituzioni con cui possiamo cambiare la gara in qualsiasi momento.

1 Commento

Archiviato in Calcio, Carta Stampata

BARBAPRESS/ Basket: Lottomatica Roma – Angelico Biella 79-83 (gara 5)

Sono bianco, pelato e ciccione, per questo forse non andrò mai in Nba anche se io continuo a crederci”, queste le parole di Greg Brunner prima di gara 5 tra Virtus Roma e Angelico Biella. Una serie dove il fattore campo ha sempre fatto la differenza con vittorie nette da parte della squadra di casa. Clima caldo, maggiore aggressività e differenti percentuali questa volta non dovevano fare paura alla squadra di coach Gentile che in casa però aveva tutta la pressione del mondo in quanto squadra favorita e squadra che, giocando in casa, potrebbe risentire maggiormente di alcuni momenti di difficoltà. Sono stati proprio i canestri del “bianco” Brunner a decidere la gara e conquistare la semifinale contro l’Armani Jeans Milano.

La gara nel primo quarto inizia con dei piccoli parziali da una parte e dall’altra parte dei ventotto metri del campo. Piccoli lampi che fanno finire infatti il primo quarto con un 17-16 più che mai equilibrato. Nel secondo parziale coach Bechi manda in campo Aradori e il giocatore bresciano dà il via ad un predominio biellese con 8 punti personali, Joe Smith contribuisce ad un eccellente 8/14 totale da 3 per Biella mentre Spinelli dà continuità alla sua ottima prova in gara 4 buttandosi dentro l’area trovando 2 o 3 tiratori dietro l’arco dei 3 punti. Si va al riposo lungo con il vantaggio biellese in doppia cifra sul 34-44.

Nel secondo tempo la squadra di coach Gentile entra con un buon ritmo nella partita e con Hutson riesce a ridurre nuovamente lo svantaggio arrivano al -5 ma questo primo tentativo di rimonta viene subito placata sul nascere dall’indiscutibile talento (ma troppo discontinuo) di Reece Gaines che con delle triple mortifere allontanano nuovamente la Lottomatica che si metta a zona in difesa. Biella tira con il 61% da tre (11/18) ma nonostante questo Becirovic e Datome riportano sotto la Lottomatica. Al 30’ la Virtus è sotto di un solo punto: 61-62 per l’Angelico.

Nei primi 3’ dell’ultimo parziale vedono un 7-0 Lottomatica targato Hutson e Datome più un grande lavoro in difesa con autentico protagonista tra i romani di Angelo Gigli che sembra essere il degno successore di capitan Tonolli. Sono però i canestri di Greg Brunner a risultare decisivi per l’Angelico che sbanca Roma e il Palalottomatica conquistando la meritata semifinale contro Milano.

Lottomatica Roma: Hutson 21, Douglas 3, Datome 8, Jaaber 17+4rec+4per, Gigli 0+8r, Brezec 4, Becirovic 19+7a, Giachetti 2, De La Fuente 5, D’Alessio ne, Tonolli ne, Golemac. All. Gentile.

T2p 21/39 T3p 6/14, R 28 (6 off), A 14, Per 12, Rec 12, Stop 0

Angelico Biella: Jurak 5+3a, Raspino ne, Spinelli 11+2per, Favario ne, Jerebko 7+4r, Garri 5+2per, Gist 13+4r+3rec, Smith 12+2per+3stop, Aradori 8, Brunner 14+4r+3rec+2per+3a, Gaines 8+4r+2per, Secchia ne. All. Bechi.

T2p 16/27, T3p 12/23, R 23 (4 off), A 12, Per 11, Rec 10, Stop 3

basketground-logodi Piero Barbaro per “Basket Ground” del 26/05/2009

Lascia un commento

Archiviato in Basket

BARBAPRESS/ Play off, gara 3: Lottomatica Roma – Angelico Biella 99-79

logo_virtus_grande_home

Sapevamo che giocare a Biella non sarebbe stato. E´ un campo difficile, con un tifo che ti confonde, una squadra di talenti, in più ci si mette anche la stanchezza del viaggio. Ma non facciamo drammi.” Con queste parole Nando Gentile aveva commentato la sconfitta piemontese della sua Lottomatica che riazzerava tutti conti portando la serie sull’1-1 e portando nuovamente la Virtus Roma a giocare sul campo di Biella nella serata di domenica. Ma intanto c’era una gara 3 da giocare a Roma e, dopo un avvio stentato, la squadra capitolina riesce ad avere la meglio di una modesta Angelico che appare tutt’altra squadra lontana dal proprio Biella Forum.

Primo quarto piuttosto difficile per i ragazzi di coach Gentile che vedono un’Angelico determinata ad inizio gara con Jerebko, Joe Smith e soprattutto Gaines più che ispirati (6-14 il massimo vantaggio biellese). Sul fronte capitolino è quando sono in campo Sani Becirovic e Brezec che la Lottomatica riesce ad esprimersi meglio: sono proprio i due sloveni con l’ultimo arrivato Golemac a dare il la per il sorpasso Lottomatica conditi dalle conclusioni incredibili di Datome dalla lunga distanza. E’ proprio il canestro della giovane promessa del basket italiano a dare il 25-20 che chiude i primi 10’. Sfruttando il parziale positivo anche i 3500 del Palalottomatica entrano in gara per una Virtus che con il doppio playmaker rende di più e riesce ad eseguire meglio i propri giochi: mentre Becirovic riposa, sono Jaaber e Giachetti a chiamare i giochi che portano la squadra dell’ingegner Toti a doppiare l’Angelico sul 45-22 (sarà +19 al 20’).

Nella seconda parte di gara la partita scorre senza particolari patemi per i capitolini mentre sulla sponda biellese è preoccupante (per il basket italiano) l’indifferenza di coach Bechi nei confronti di Pietro Aradori, autentico trascinatore in gara 2 per l’Angelico. Il giocatore bresciano, classe ’88, rimane a lungo in panchina con la consueta schiera di americani lasciati in campo che non portano nessun beneficio a Biella. Clamorosa la figura di Reece Gaines nel terzo quarto che alla fine di un time out si scorda di rientrare in campo fino a quando solo gli arbitri ricordano a coach Bechi che non si gioca in 4. La partita si conclude sul 99-79 con Datome che sbaglia il suo primo tiro al 34’ e chiude la gara con la standing ovation del pubblico romano per i suoi 17 punti totali e 24 di valutazione. Si torna a Biella per gara 4.

Lottomatica Roma: Hutson 17, Douglas 9+3rec, Datome 17, Jaaber 7+3rec, Gigli 3+11r+5per, Brezec 6+2stop, Becirovic 10+7a, Giachetti 8, De La Fuente 13, D’Alessio, Staffieri ne, Golemac 9+3rec. All. Gentile.

T2p 26/44, T3p 10/20, R 34 (14 off), A 30, Per 16, Rec 17, Stop 5

basketground-logoAngelico Biella: Jurak 6, Raspino 2, Spinelli 3, Ceccarelli ne, Jerebko 16+5 rec, Garri 4, Gist 15+6r+1stop, Smith 10, Aradori 4, Brunner 12+6r, Gaines 12+5 per+4a, Margheri ne. All. Bechi.

T2p 21/39, T3p 8/19, R 24 (11 off), A 9, Per 18, Rec 14, Stop 1

di Piero Barbaro per “Basket Ground” del 22/05/09

Lascia un commento

Archiviato in Basket